10 VINI DA PROVARE ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

Aggiornamento: 11 gen 2021


ZIBIBBO SECCO in Anfora "SERRAGGHIA" di Giotto & Gabrio Bini

Strabiliante infuso di uve Zibibbo al 100% che nasce e cresce su terre vulcaniche dell’isola di Pantelleria. Solo uva dunque, che assorbe tutti gli umori e le influenze dell’isola, senza alcuno intervento chimico. Vendemmia manuale, l’uva viene poi messa a macerare sulle bucce e fermentare per circa 20 giorni in anfore.


C’è l’isola, tutta nel bicchiere: dal colore dorato opaco del tramonto (sintomo di assenza di filtrazione) al naso stordisce e incanta per ricchezza e varietà di sfumature.

Un sorso è un inno a Pantelleria, mare e frutta, carnosità e tensione salina, sole e vento.

Risulta difficile, se non impossibile, trovare un vino che abbia la capacità di toccare corde nascoste in modo così diretto e vibrante. Probabilmente non per tutti, sicuramente indimenticabile.


Ideale con pesce, carne bianca, primi di pesce e formaggi stagionati.


Prezzo: 75€




SYRAH "APICE" di Stefano Amerighi

Vino biodinamico prodotto con i migliori cloni Syrah 100% provenienti dalla valle del Rodano e impiantati a Poggiobello di Farneta, nel cortonese, Toscana. Si seguono le fasi lunari per il lavoro in vigna e la fermentazione è spontanea, con solo lieviti indigeni, senza aggiunta di solforosa. Affinamento in vasche di cemento per l’80% e tonneau per il 20% per 24 mesi, poi altri 30 mesi in bottiglia.

Vino schietto, diretto e dalla forte personalità. Rosso come un rubino, profumo elegante e ricco tipico del Syrah. Note di frutti di bosco, erbe balsamiche e macchia mediterranea. Al gusto è molto potente, aromatico, speziato. Intrigante!


Ideale con carne, selvaggina e formaggi stagionati.


Prezzo: 40€



RIESLING di Pierre Frick

Vino camaleontico, vivo e in continua evoluzione. Uve 100% riesling, siamo in Alsazia, Francia.

Fermentazione spontanea per opera di lieviti indigeni, 6 mesi di affinamento in antiche botti di quercia. Vino biologico e biodinamico, dal colore giallo paglierino scarico tipico del riesling, al naso è il perfetto mix tra pietra focaia, mela verde, scorza d’agrumi e salinità: inebriante!

Sorso teso e vibrante, dotato di una vitalità quasi commovente. Sale e freschezza all’assaggio, per ammorbidirsi col tempo rilasciando un sentore di crosta di pane e da’ spazio a tutte le sue sfumature. Spaziale!


Perfetto con pesce, pesce crudo e formaggi erborinati.


Prezzo: 30€

BAROLO Riserva ‘Bussia’ di Oddero

Vi presento il Re delle Langhe. Uve 100% nebbiolo da vigne di oltre 35 anni, esposte a Sud-Ovest e poste a un’altitudine di 380 metri sul livello del mare. Selezione manuale molto rigida delle uve, macerazione di 30 giorni e per l’affinamento si avranno 36 mesi in botti di rovere, poi almeno 24 mesi in bottiglia.

La sua eleganza irrompe già al naso. Fascino di profumi a livello olfattivo, armonia e equilibrio al palato.

Il “Riserva Bussia Soprana Vigna Mondoca” è uno dei cavalli di battaglia della cantina Oddero ormai da 7 generazioni. Cantina fondata nel 1878 da Giacomo Oddero, oggi vanta riconoscimenti in Italia e in tutto il mondo.

Rara intensità e complessità: pepe nero, timo, salamoia e corteccia si alternano e si fondono in un sorso dallo strepitoso impatto olfattivo. Avvolgente e suadente, tannini fini e potenti, di grande morbidezza e struttura: indimenticabile!


Ideale con carne rossa in umido o arrosto, primi di carne, selvaggina e formaggi stagionati.


Prezzo: 95€



RIBOLLA GIALLA in Anfora, di GRAVNER

Ecco a voi il monumento del Collio. E’ l’orange wine per antonomasia, un vino fuori dagli schemi, oltre qualsiasi classificazione e convenzione. Il tutto parte dalle forze naturali del luogo, l’Oslavia, dove opera il sapiente artigiano Josko Gravner.


Le uve Ribolla Gialla provengono da una coltivazione che va al di sopra dei dettami biologici e biodinamici. La fermentazione spontanea avviene all’interno delle anfore caucasiche, per far emergere quanto di più profondo la madre terra sa donare attraverso l’uva. Il vino, dopo essere stato torchiato e svinato, sosta 5 mesi nuovamente in anfora, per poi affinare 6 anni in grandi botti di rovere.


Alla vista è ambrato e impenetrabile. Al naso si avverte il profumo della terra del Collio. A fare da protagoniste sono le erbe aromatiche, tra cui origano, rosmarino e salvia, frutta come l’albicocca, la pesca e poi ancora fiori appassiti, unite a intense sensazioni di cera d’api, agrumi canditi, resine di alberi e anice. La lunga macerazione sulle bucce in anfora conferisce un’insolita tannicità. Al palato svela una vitale freschezza e un sentore balsamico che ricordano luoghi marittimi e boschivi. Pieno, intenso, materico, ricco e complesso, dotato di piacevoli tannini, Di viva freschezza e mineralità che si distendono in una lunghissima e vibrante progressione espressiva. Prodigioso!


Ideale con formaggi erborinati e stagionati, carni bianche e primi al sugo di carne.


Prezzo: 58€



PRIMITIVO "ES" di Gianfranco Fino

ES è una vera e propria bomba! Il suo nome richiama proprio le pulsioni dell’istinto freudiane e le rappresenta in tutte le sue declinazioni. E’ una delle più intense, eleganti e prestigiose espressioni di Primitivo in purezza. Nasce da vecchi alberelli di 60 anni dell'agro di Manduria, macera sulle bucce per quasi 4 settimane e matura per 9 mesi in piccole botti.


Questo vino stupisce per il suo ventaglio gusto-olfattivo, che spazia con impeccabile grazia dalla frutta fresca matura alle spezie dolci, dalla macchia mediterranea ai sentori tostati conferiti dal legno. Al naso spiccano nuance di frutta nera molto matura, more, erbe balsamiche e spezie dolci. Il sorso è potente, caldo, avvolgente e concentrato, sorretto da una freschezza vibrante che favorisce la beva e la rende molto elegante e persistente. Piacevoli ritorni aromatici amaricanti di china, rabarbaro e radici emergono delicatamente nel lunghissimo finale, pressoché interminabile. Un rosso complesso, ricco, elegante e sensuale...di grande classe e carattere! Una vera chicca!


Ideale con formaggi erborinati, stagionati, carne rossa in umido, selvaggina e primi al sugo di carne.


Prezzo: 50€


MUFFATO della Sala di Antinori

Perla rara e preziosa della Cantina Antinori. Vino dolce e suadente, non si tratta di un semplice vino passito, bensì appunto di un muffato. La muffa che si crea sui grappoli ancora appesi è ciò che conferisce una personalità unica a questa pozione magica.

Il vino è composto per il 60% da Sauvignon Blanc, per il 40% da Grechetto e per la restante parte da Traminer e Riesling. I terreni collinari da cui provengono le uve sono argillosi e ricchi di reperti fossili marini, tra 200 e 350 metri sul livello del mare.

Il colore é giallo dorato brillante. Il profumo è intenso e avvolgente, grazie a note di frutta candita, miele, agrumi ed i tipici sentori dati dalla Botrytis che ricordano lontanamente lo zafferano e le erbe aromatiche. Al gusto è perfettamente bilanciato tra freschezza e dolcezza, con un corpo sorprendentemente. Impossibile non entrare in sintonia con questo vino magico: una volta assaggiato, sarà facile riconoscerlo ad occhi chiusi. Un vero e proprio punto di riferimento in Italia come vino passito muffato. Gioioso!


Ideale con panettone e pandoro, formaggi stagionati, pasticceria secca o con la crema.


Prezzo. 32€



PASSITO DI PANTELLERIA Bukkuram ‘Sole d’Agosto’ di Marco de Bartoli

Bukkuram significa “padre della vigna”. Ci troviamo nella contrada di Pantelleria dove da tempo immemore già gli Arabi coltivavano la vite dello Zibibbo. Siamo a 200 metri sul livello del mare, con i vigneti che vengono accarezzati dal vento e baciati dal sole.

Perché “Sole d’Agosto”? Curiosa è la storia: sull’isola di Pantelleria, la vendemmia ha, ogni anno, potenzialità e imprevisti diversi. L’agosto è il mese, senza dubbio, più delicato, perché le uve vengono messe ad appassire naturalmente; l’unicità del Bukkuram “Sole d’Agosto” è strettamente connessa al sole del mese di agosto.

Vino passito che è in grado di raccontare ed emozionare grazie ai suoi aromi e ai suoi profumi: le note di zenzero si combinano splendidamente con il bergamotto e la frutta candita. Il sorso è soave, elegante, con una persistenza infinita. Un'esperienza sensoriale.

Ideale con panettone o pandoro, torte di frutta, cioccolata fondente e pasticceria secca o con la crema.


Prezzo:52€


BRUNELLO DI MONTALCINO "Amore e Magia" di Podere le Ripi

"Amore e Magia" è un’esplosione sensoriale. Emozionante e austero, ritrae uno dei migliori terroir italiani. Espressione più alta della maestosità dei vini rossi toscani. Ci troviamo al cospetto di uno dei vigneti con densità più alta al mondo.

Podere Le Ripi, di proprietà di Francesco Illy, fa parte dei Triple A: Agricoltori, Artigiani e Artisti. Non a caso, il motto che riecheggia ovunque a Castelnuovo dell’Abate è "Be crazy, my friend!", filosofia con cui si approccia Sebastian, vignaiolo che sin dal principio segue tutto il ciclo ‘creativo’.


Sangiovese in purezza, da uve biologiche e biodinamiche, da vigneti che poggiano su suoli argilloso-calcarei. In vigna i trattamenti sono limitatissimi e in cantina si prosegue con fermentazione alcolica spontanea in botti di rovere e lunghe macerazioni sulle bucce. Affinamento di 36 mesi in botti grandi di rovere francese, 8 mesi in cemento e 12 mesi in bottiglia.


Il vino “Amore e Magia” si presenta nel calice con un ammaliante veste rubina profonda ed orli granati. Naso pulsante e di straordinaria complessità fatto di fragole in confettura, viola appassita, incenso, spezie ed una lieve tostatura. Dinamicità alle stelle grazie alla capacità di evolvere continuamente dopo un’adeguata aerazione. Al sorso il vino è corposo e potente, perfettamente equilibrato tra una polpa, freschezza e vena salina. Un tuffo nel cuore toscano.


Perfetto con carni rosse grigliate o arrosto, selvaggina, risotto ai funghi, formaggi stagionati.


Prezzo: 80€


VINO SPUMANTE DI QUALITA "SOGNO" di Cà del Vent

Si sogna in grande in Franciacorta. 15 vendemmie alle spalle ma non si smette mai di rinnovarsi e sperimentare. Qui sulle colline di Brescia, a Campiani di Cellatica, i principi cardine della biodinamica vengono reinterpretati e si sperimenta ogni giorno, anche attraverso la fisica quantistica.

Accompagna gli artigiani-sperimentatori la filosofia per cui il bravo vignaiolo non fa il vino, lo accompagna nel suo farsi. Con questo approccio hanno definito un nuova categoria nel metodo classico non normata: i Pas Operé. Da gennaio 2017 hanno abbandonato la Franciacorta (Consorzo di Tutela e Denominazione) dopo le ripetute bocciature dei loro vini ritenuti non idonei dalle commissioni perchè "troppo ricchi e complessi". Producono oggi "in libertà". La gamma che propongono è VSQ, vino spumante di qualità ( da vigneti all'interno della denominazione e registrati a DOCG che liberamente decidono di non rivendicare).


Il vino é un Blanc de Blancs, ottenuto da uve 100% Chardonnay, controllate acino per acino, pressate direttamente per imbottigliare il mosto fiore più nobile, fermentato spontaneamente in barrique e qui affinato per 7 mesi. Presa di spuma con zucchero d'uva e sosta sur lattes in bottiglia per 44 mesi (al primo degorgement).

Grande equilibrio e delicatezza, colore giallo scarico brillante, un sorso armonico, fresco e croccante in bocca. Da bere, divertendosi!


Ideale per l’aperitivo!


Prezzo: 45€


NERELLO MASCLAESE "JEUDI 15" di Vino di Anna

Le uve per “Jeudi 15” provengono da una bellissima proprietà di due ettari, situata nella zona di Monte LaGuardia, a 800 metri di altitudine, sulle pendici settentrionali dell'Etna. Viti ad alberello di 90 anni di Nerello Mascalese sono state raccolte a mano, insieme a una piccola percentuale (meno del 5%) di Nerello Cappuccio e Alicante (Grenache).


Anna Martens, australiana d’origine, si trasferisce, con suo marito Eric Narioo, ai piedi dell'Etna e decide di produrre biodinamicamente e organicamente il suo vino. L'altitudine dei vigneti varia dai 760 m ai 1.200 metri. Il terreno vulcanico conferisce una spiccata mineralità e sapidità. I vini sono fatti con un intervento minimo, lieviti indigeni, fermentazione spontanea, senza additivi, senza raffinamento o filtrazione e poco o nessun SO2.


Di colore rosso vivo, questo vino ha succosi aromi di frutta rossa (ciliegie, fragole) e note floreali, unito con liquirizia e spezie. L'acidità è solida, i tannini fini e polverosi e il finale lungo.

Perché si chiama ‘Jeudi 15’? In ricordo della data del raccolto nel 2008, il primo anno in cui è stato realizzato da Anna e Eric. Tutto molto romantico.


Ideale con...tutto. Vino da meditazione,


Prezzo: 26€